giovedì 30 maggio 2013

Il conto corrente a costo zero esiste davvero?

Il conto corrente a costo zero esiste davvero? Si c'è. Ma per trovarlo devi sapere quali sono le spese nascoste e quali banche pagano al posto tuo anche le tasse dovute allo Stato. Lo pubblicizzano in tanti, ma i dubbi restano. É possibile che un conto corrente sia a zero spese? Solo in casi rarissimi. Perché qualcosa da pagare c'è sempre, a partire dalle imposte. Ecco come difenderti da brutte sorprese. "Regola numero uno: imparare a leggere le condizioni economiche del conto che propongono e contrattare" spiega Vito Di Dario, responsabile del sito specializzato OF - Osservatorio Finanziario. Vediamo le principali voci a cui fare attenzione per capire la convenienza o meno di un conto.

Occhio alle imposte di bollo. Si tratta dei soldi prelevati dallo Stato. Su ogni conto si pagano 34 euro l'anno, con due eccezioni: se si ha una giacenza inferiore a 5.000 euro o un reddito annuo minore di 7.500 euro. "Se si possiede un dossier titoli, c'è un'ulteriore imposta" aggiunge l'esperto "cioè lo 0,15% annuo sul valore totale delle azioni o degli altri strumenti di risparmio".

Calcola le tue operazioni. Le spese nascoste scattano ogni volta che utilizzi il conto. Magari effettui molti prelievi al Bancomat e paghi 1 o 2 euro ogni volta che lo fai da un istituto diverso dal tuo. Oppure c'è un costo per tutti i bonifici che fai allo sportello.

Punta sull'online. L'abitudine di andare alla banca sotto casa oggi ha un prezzo. "I conti più convenienti sono quelli online" consiglia l'esperto. "Di solito non hanno costi per le operazioni più comuni, l'estratto conto arriva sul computer e alcune banche si accollano anche l'imposta statale, quella di 34 euro, fornendo davvero un conto a costo zero".

Chiedi l'estratto conto via email. Ricevere a casa il dettaglio delle spese ogni mese o trimestre ha sempre un costo di 1 o 2 euro. Come evitarlo? Si può chiedere di sospendere l'invio o di farselo mandare soltanto via email.

Se poi hai in mano il foglio informativo sul conto corrente che vorresti sottoscrivere, stai bene attento all'ISC (Indicatore sintetico di costo). Qui ogni istituto di credito è obbligato a scrivere una media delle spese secondo profili standard individuati dalla Banca d'Italia. Se trovi "zero" sei a posto. Ma in tutti gli altri casi, cioé se viene indicata una cifra, quella è il costo reale. Fatti allora spiegare bene quali operazioni quel conto comprende e inizia a contrattare. Oppure cerca altrove.

venerdì 10 maggio 2013

SpecialCash Postepay il mini prestito personale di Poste Italiane

SpecialCash Postepay è un piccolo prestito erogato da Poste Italiane, in collaborazione con Compass S.p.A., che ha la caratteristica di poter essere richiesto da chiunque sia in possesso di una carta PostePay attiva, senza che vi sia la necessità di giustificare il motivo per il quale si richiede il prestito e senza dover offrire alcuna garanzia reddituale di particolare entità. Richiedere SpecialCash Postepay è facilissimo. Basta recarsi presso un qualsiasi ufficio postale e compilare un apposito modellino. Insieme a quest'ultimo vanno presentati un documento d'identità valido e la propria tessera sanitaria. Per i cittadini stranieri, invece, è necessario presentare un documento che attesti il reddito percepito, il passaporto unitamente ad un altro documento d'identità e il permesso di soggiorno in corso di validità. Il plafond disponibile è stato tarato su tre misure diverse, in grado comunque di assolvere esigenze di credito di piccola entità. Si parte dal mini prestito da 750 euro, rimborsabile in 15 mesi al Taeg del 17,83% con una rata di 54,50 euro, per passare al taglio medio da 1.000 euro al Taeg del 16,29% rimborsabile in 20 mesi pagando una rata pari a 56 euro, per finire al piano più consistente che ha un ammontare di 1.500 euro al Taeg del 15,34% e prevede un piano di ammortamento costituito da rate di importo pari a 71,50 euro. Il costo complessivo dell'operazione, a seconda del tipo di ricarica prescelta, varia da un minimo di 83,93 euro, ad un massimo di 232,43 euro. Decisamente buono. Il rimborso delle rate avviene direttamente su conto corrente o tramite bollettino postale a seconda delle preferenze. L'invio delle comunicazioni e l'eventuale estinzione anticipata sono gratuite. Il TAN fisso è pari allo 0%. Si tratta di un buonissimo servizio a nostro parere. Comodo, semplice e chiaro, con costi contenuti e procedure snelle. VOTO: 9
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.